Queste sono le storie di alcune delle donne che ci hanno spinto a creare Women4Change, il progetto a sostegno dell’indipendenza delle donne, delle madri, delle figlie.

Sin dai primi giorni dell’emergenza Covid19 in India, abbiamo raggiunto gli slum dove si trovavano i bambini e le famiglie che seguiamo. Tra le distribuzioni di cibo e kit di protezione, abbiamo privilegiato chi si trovava maggiormente in difficoltà. Abbiamo trovato tante nuove famiglie che versavano in condizioni critiche, tra cui Chinnamma con le sue splendide bambine e Kanaka con i suoi 2 figli.

Chinnamma, è una donna esile dal sorriso timido, con qualche esito iniziale ci ha raccontato la sua storia.

CHINNAMMA 

 

Bhuwaneswari e Divya sono sorelle: entrambe frequentano una scuola governativa ad Autonagar, lo slum dove vivono. Bhuwaneswari, la maggiore, è in 5^ elementare mentre Divya è in 3^. La loro madre, Chinnamma, è una madre single e si guadagna da vivere raccogliendo stracci o lavorando alla giornata in un punto di raccolta di rottami.

Chinnamma era la più piccola di 4 bambine, suo padre manteneva la famiglia svolgendo piccoli lavori saltuari, mentre la loro madre era una casalinga. La famiglia viveva in un villaggio vicino al distretto di Krishnagiri nel Tamil Nadu. Sua madre morì all’improvviso, abbandonando così le 4 figlie, quando la piccola Chinnamma aveva 10 anni. Da quel momento la sua vita cambiò radicalmente. Il padre si trasferì a Tirupathi (cittadina del Distretto di Chittoor in Andhra Pradesh) in cerca di lavoro, lasciando i bambini a dei parenti e vicini che ben presto se ne disinteressarono.

Chinnamma a 14 anni si sposò con Kalyan e si trasferì a Vijayawada con il marito, stabilendosi in una baraccopoli: dopo la nascita delle figlie, Kalyan ha iniziato a bere quotidianamente e alla fine è morto alcolizzato. La sua dipendenza cronica gli ha creato un danno epatico acuto.

Chinnamma decise a quel punto di restare a Vijayawada iniziando a raccogliendo stracci e lavorando nel vicino punto di raccolta dei rottami, il cui proprietario gli permise di vivere in uno dei capannoni di ferro abbandonati usati in precedenza per riporre gli attrezzi. In questa sistemazione di fortuna, Chinnamma ha ripreso in mano la propria vita, dando alle figlie la possibilità di frequentare la scuola.

Bhuneswari e Divya si sono rivelate molto brillanti, tanto che la direttrice della scuola ritiene Divya la migliore alunna dell’intero istituto. Divya ci dice con un sorriso luminoso e con sicurezza che vuole studiare per diventare un medico in modo da poter aiutare persone come suo padre a vivere ancora per un po’ di tempo. Bhuwaneswari invece sogna di diventare un’insegnante.

Chinnamma ci dice tutto questo fuori dalla baracca di ferro abbandonata eletta a sua “casa” negli ultimi anni e ci parla del periodo di lockdown. Non poteva uscire a raccogliere stracci, il punto di raccolta era chiuso, quindi la famiglia non aveva letteralmente cibo. E neppure acqua potabile. Abbiamo dato loro quanto necessario per permettere a lei e alle figlie di poter affrontare l’emergenza in sicurezza.

SOSTIENI ORA CHINNAMMA E LE SUE BAMBINE

KANAKA

Kanaka è la madre di due bambini che sosteniamo a distanza ma, che si trovavano davvero nella morsa della contingenza, dato che sia la madre, che la nonna erano rimaste senza lavorare per giorni a causa del covid19. Kanaka ci ha parlato di lei e della sua famiglia portandoci in “casa” sua e facendoci vedere il suo carretto.

“Il mio nome è Kanaka Mahalakshmi, Hemanth è mio figlio, il nome di mia figlia è Lavanya e mia madre Dayamani. I miei ragazzi hanno appena iniziato il liceo, cosa che io non sono mai riuscita a fare. Vivo facendo la venditrice ambulante di snacks indiani. Quindi il Dosa (frittella indiana a base di lenticchie fermentate e riso miscelato con acqua), Idli (tipo di torta di riso salata preparata cuocendo al vapore una pastella composta da lenticchie nere fermentate e riso) e Punugulu (cibo di strada comune a Vijayawada e alcuni distretti costieri dell’Andhra Pradesh). Mia madre vende limoni sul marciapiede.

Inizio la mia giornata alle 4 del mattino preparando il chutney (una salsa di accompagnamento), quindi pulisco e preparo il mio carretto, organizzo gli utensili ed esco di casa verso le 7. Finisco di cucinare il pranzo per i miei figli e li accompagno a scuola. Saranno circa le 11 quando torno a casa e comincio a preparare gli spuntini serali ed esco nuovamente di casa attorno alle 16 per rientrare verso le 22:30. Vendo Mirchi bujji (un popolare cibo di strada fatto friggendo peperoncini verdi in pastella), Punugulu e omelette negli spuntini del tardo pomeriggio.

Sono sola da quasi 15 anni. Mio marito è morto di cancro nel 2007, e i miei suoceri mi hanno cacciato di casa subito dopo la sua morte; dopo i rituali 21 giorni di lutto dalla morte di mio marito. A quel punto sono venuta qui e ho affittato una casa e ho cercato di proteggere me stessa e i bambini, ma non era possibile per me sostenere l’affitto della casa di 3000 rupie al mese (quasi 40 euro al mese), quindi ho chiesto ospitalità a mia madre.

Prima di pianificare questo ho iniziato a lavorare come donna delle pulizie in un vicino centro commerciale, ma lì mi sentivo insicura, poiché ero una delle poche donne che vi lavorava e ho quindi iniziato il lavoro da sola. Investo circa 1.000 rupie (poco più di 10 €) al giorno a seconda della domanda che cambia su base giornaliera. Se l’attività va bene guadagno 200 rupie al giorno (circa 3 €); a volte gli articoli dovranno essere regalati per mancanza di clienti alcuni dicono che non gli piace la pulizia del carretto (lo so anch’io non è così brillante ma cosa posso fare?).

Dovrei sostituire il mio carrello a spinta per avere un aspetto ben organizzato e pulito affinché più persone possano venire a mangiare. Il mio adesso è rotto, tutte le gomme e i cerchioni sono arrugginiti, le piattaforme dove tengo i miei fornelli e ristoranti sono corrose e completamente sparite, le copro con i giornali, il telaio di legno è rotto in tutti gli angoli e l’acqua piovana cade a destra nella padella dell’olio caldo che rende qualsiasi bujji o vendita impossibile quando piove. Quando lo spingo da casa al luogo dove vendo dosa le ruote a volte escono: un giorno 2 ruote sono uscite e l’intero corpo del carretto si è rotto, quando si è avvicinato un uomo per ripararlo mi ha chiesto 2000 rupie per il suo lavoro e extra per i pezzi di ricambio, quindi gli ho detto di stringere solo quello che è rimasto lì. Avrei bisogno di un nuovo carretto fatto appositamente per persone come me che vendono dosas e idlis. Mi serve un banco espositivo adeguato per aumentare il numero di varietà di snack e dosas. Il carretto a mano deve avere un aspetto pulito e organizzato per far venire più persone a mangiare e darmi più soldi per essere sicura”.

SOSTIENI KANAKA E LA SUA ATTIVITA’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *